Parco degli Acquedotti: bengalese tenta di stuprare moglie di vigile urbano

s-l1600 (1)

Con i genitali di fuori è sbucato all’improvviso dagli anfratti del parco degli Acquedotti, scagliandosi addosso ad una trentacinquenne italiana a passeggio con il cane. Dopo averla palpeggiata, ha cercato di trascinarla tra la vegetazione. La donna però non si è persa d’animo e dopo essere riuscita a sottrarsi alla violenza, ha chiamato il marito, un agente di Polizia Locale in servizio al G.S.S.U., che a propria volta ha tempestivamente avvisato i colleghi. Immediata la caccia all’uomo da parte dei caschi bianchi coordinati dal Vice Comandante del Corpo Lorenzo Botta.

Il maniaco, U.R., bengalese di 30 anni, è stato rintracciato e sorpreso ancora all’interno del parco mentre si stava masturbando davanti ai bambini in prossimità dell’area giochi. Alla vista degli agenti il bengalese ha reagito con calci e pugni, tentando di guadagnare la fuga. Arrestato, è in attesa dell’udienza che si terrà per direttissima domani mattina al Tribunale di Piazzale Clodio. “Chiediamo alla Sindaca Raggi l’adeguamento della pianta organica e l’immediata applicazione della legge regionale, per poter dare maggior sicurezza alla Capitale” commenta Marco Milani, coordinatore romano UGL Polizia Locale.

   

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.