Monte dei Paschi, classico finale: a pagare i contribuenti italiani

monte-dei-paschiL’ex premier Matteo Renzi, nel suo eterno e un po’ incosciente ottimismo, aveva parlato di banca risanata. L’altro ex premier tanto amato dagli italiani, Mario Monti, tra i primi provvedimenti aveva pensato proprio al Monte dei Paschi di Siena con un prestito che avrebbe dovuto risolvere tutti i problemi (evitando la solita ripulitura del cattivo credito, come fatto in altre banche e in Alitalia, quando le norme lo consentivano ancora). Allora, ecco l’amaro finale: a pagare per gli errori e le magagne della banca senese saranno gli italiani. La cura? Venti miliardi di debito pubblico in più (o in minor spesa pubblica, ma la sostanza non cambia). Un regalo del nuovo-vecchio governo. Che potrebbe determinare guai se non rispetteremo i vincoli di bilancio imposti dalla solita Unione europea nel rapporto debito/Pil.

Occorre aggiungere che il drammatico debito pubblico italiano, che nelle promesse governative sarebbe dovuto scendere fino al 125,9% nel 2017, in realtà starà non meno di sei punti sopra.

Certo, ci sono milioni di risparmiatori da salvare. Ma, nella logica dell’economia di mercato, non è chiaro perché i problemi di alcuni ricadano sulle tasche di altri, persino di chi i soldi in banca non li tiene proprio. Il vero obiettivo, secondo chi scrive, non è la salvaguardia del risparmio ma la classica toppa nell’intero sistema economico del Paese e internazionale, perché una banca che salta – il Monte dei Paschi è il terzo istituto di credito italiano – avrebbe ripercussioni importanti in tutto il mondo finanziario mondiale, cioè tra i veri detentori del potere. I privati, va aggiunto, si sono ben guardati dal salvare una banca malridotta proprio da quella politica che in modo abbastanza palese ha indicato per anni i vertici dell’istituto. Le scellerate scelte di acquistare la Banca del Salento (“di osservanza dalemiana”, come ricorda Repubblica) o Antonveneta, pagata 9 miliardi a fine 2007 (con autorizzazione della Banca d’Italia governata da Mario Draghi), sono lì a dimostrare la lungimiranza di questi manovratori. Fatto sta che la banca arriva a dieci miliardi di perdite in quattro esercizi.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.