Lavoro / Nel 2019 Amazon creerà 1.000 nuovi posti in Italia

Amazon ha annunciato che creerà in Italia più di 1.000 posti di lavoro a tempo indeterminato entro la fine dell’anno: una crescita che porterà la forza lavoro dell’azienda a un totale di 6.500 dipendenti, rispetto ai 5.500 di fine 2018.

Queste nuove opportunità di lavoro sono destinate a persone con ogni tipo di esperienza, istruzione e livelli di competenza, dagli ingegneri e sviluppatori di software, dagli operatori di magazzino agli esperti di marketing, fino a coloro che sono alla ricerca della prima esperienza lavorativa.

Molti dei ruoli saranno disponibili anche nel nuovo centro di distribuzione che è stato aperto ieri a Torrazza Piemonte (TO). Ulteriori posizioni saranno disponibili presso i centri di distribuzione già esistenti di Castel San Giovanni (PC), Passo Corese (RI) e Vercelli, presso il centro di smistamento di Casirate d’Adda (BG), il customer service di Cagliari, nei depositi di smistamento distribuiti in tutto il Paese e nel centro direzionale di Milano.

Mariangela Marseglia, Country Manager Amazon Italia e Spagna, ha dichiarato: “I nostri investimenti in Italia stanno crescendo rapidamente e siamo entusiasti di poter creare nuovi posti di lavoro in tutto il Paese. Questi 1.000 nuovi colleghi ci supporteranno per migliorare ulteriormente l’esperienza dei nostri clienti: offrendo una selezione più ampia, maggiore convenienza e consegne più veloci sia per i prodotti venduti direttamente da Amazon, sia per quelli venduti dalle migliaia di PMI italiane e dagli artigiani che si affidano ad Amazon per espandere le proprie vendite in Italia e all’estero. Per raggiungere questi obiettivi, siamo impegnati a investire in un’infrastruttura logistica sempre più ampia, e a trovare talenti per le nostre diverse aree di business, inclusa la ricerca e sviluppo. Sappiamo di essere ancora al Day 1 e questo ci porta a moltiplicare il nostro impegno a innovare per i clienti e le piccole e medie imprese italiane”.

Milano – Centro direzionale e AWS

Il 4 ottobre 2017, Amazon Italia si è trasferita nella nuova sede direzionale di Milano.

ll nuovo edificio, composto da due strutture di 9 e 6 piani per un totale di 17.500 mq nel cuore del distretto di Porta Nuova, ospiterà oltre 650 dipendenti a tempo indeterminato entro la fine dell’anno.

È disponibile un’ampia varietà di posizioni presso il centro direzionale, dai vendor manager, agli account manager dedicati al supporto delle piccole e medie imprese (PMI) per incrementare le proprie vendite su Amazon, oltre a business development manager, specialisti nell’advertising, e molte altre.

Anche Amazon Web Services (AWS) contribuirà alla crescita dei ruoli corporate nel 2019 e sarà motore di un ulteriore sviluppo nel 2020, quando una nuova regione verrà aperta in Italia. Tra le posizioni disponibili in AWS ci sono account managers, business development managers, data center technicians, partner development managers, solutions architects, software development engineers, support engineers, systems development engineers e molte altre. AWS ha continuamente ampliato i propri servizi per supportare virtualmente qualsiasi carico di lavoro cloud e ora dispone di oltre 165 servizi completi per l’elaborazione, l’archiviazione, i database, il networking, l’analisi, la robotica, l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale (AI), Internet of Things (IoT), mobile, sicurezza, ibrida, realtà virtuale e aumentata (VR e AR), media e sviluppo, implementazione e gestione delle applicazioni. Questa nuova regione di AWS consentirà ai clienti italiani di gestire le applicazioni e archiviare dati in Italia, offrendo agli utenti finali i propri servizi con una latenza ancora più bassa.

Centro di Sviluppo – Torino

Amazon arriverà a raddoppiare il numero di dipendenti del Centro di Sviluppo italiano di Torino che ospita professionisti focalizzati sulla ricerca sul riconoscimento vocale e la comprensione del linguaggio naturale per Alexa, il servizio vocale di Amazon basato sul cloud a supporto dei dispositivi Amazon Echo, Amazon Fire TV e dei tablet Amazon Fire.

Logistica in Italia

Dopo l’apertura di tre nuovi depositi di smistamento a Buccinasco (Milano), Burago (Monza e Brianza) e Roma quest’anno Amazon ha aperto un nuovo centro di distribuzione a Torrazza Piemonte e aprirà nuovi depositi di smistamento ad Arzano (Na), Verona e Settecamini (Rm).

Fred Pattje, Amazon Operations Director per l’Italia, la Spagna e la Francia, ha dichiarato: “Amazon è impegnata a implementare innovazioni tecnologiche nella propria rete logistica per migliorare il servizio ai clienti italiani e garantire un ambiente di lavoro ottimale per i dipendenti. Focalizzarsi sull’innovazione è il principio alla base di ogni nuovo servizio e struttura che realizziamo: questo è il motivo per cui Amazon sta cercando talenti nella logistica che cercano nuove sfide e non vogliono smettere mai di imparare”.

Tutti i dipendenti Amazon a tempo indeterminato che lavorano nei centri di distribuzione o negli uffici corporate ricevono una retribuzione competitiva e un pacchetto completo di benefit, compresa l’assicurazione sulla vita, sugli infortuni e sconti per acquisti su Amazon. Oltre a tutto questo, i dipendenti ricevono anche l’assicurazione medica privata dal primo giorno di lavoro. Amazon offre inoltre ai dipendenti dei centri di distribuzione, dei depositi di smistamento e del customer service un programma innovativo chiamato Career Choice che copre per quattro anni fino al 95% dei costi della retta e dei libri per corsi di formazione scelti dal personale, fino ad un massimo di 8.000 euro.

Quest’anno Amazon è stata indicata da Universum come uno dei “Datori di lavoro più attrattivi” in Italia. La classifica è stata stilata in base alle risposte di oltre 40.400 studenti e neolaureati in 44 diverse università italiane, e Amazon si è riconfermata al 4° posto tra tutte le aziende italiane secondo gli studenti di economia, e al 6° posto, per gli studenti di materie STEM (Science, Technology, Engineering and Math). Amazon ha ottenuto il podio nell’Innovation Index: una metrica creata per monitorare come le aziende sono associate all’innovazione, sia in termini di offerta ai clienti sia come ambiente di lavoro in cui i dipendenti possono adottare nuove tecnologie nella vita lavorativa di tutti i giorni.

Accanto ai nuovi ruoli che l’azienda sta creando, Amazon continua a sostenere imprenditori e individui che desiderano avviare la propria attività, digitalizzarne una esistente o aumentare le proprie entrate attraverso programmi come Vendi su Amazon e Logistica di Amazon. Oltre 10.000 lavori sono creati da attività commerciali terze per sostenere le loro attività di vendita su Amazon.

Venditori indipendenti offrono su Amazon una varietà di prodotti nuovi, usati, rinnovati e da collezione. Gli artigiani possono vendere le proprie creazioni originali alle centinaia di milioni di clienti Amazon in tutto il mondo, utilizzando il negozio Handmade. Il negozio Made in Italy apre le porte dei laboratori artigiani in Toscana, Sardegna, Calabria, Campania, Piemonte, Sicilia e nelle province di Bergamo e Vicenza ai clienti di Amazon.it, Amazon.fr, Amazon.es, Amazon. de, Amazon.co.uk, Anmazon.com e Amazon.jp.

Per esplorare le opportunità di lavoro in Amazon, visitare: www.amazon.jobs.

Per maggiori dettagli sull’impatto economico di Amazon in Italia cliccare: www.aboutamazon.it/impatto-economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.