Villa Fiorelli


immagine
L’odierna Villa Fiorelli, parco pubblico dal 1931, occupa la parte centrale dell’antica proprietà Fiorelli, in origine ubicata lungo il lato sinistro della via Tuscolana. Degli edifici originali non è rimasto più nulla . E’ oggi una piazza-giardino frequentata dagli abitanti della zona.
Epoca: XIX secolo Estensione: 9000 mq
Le prime notizie di un insediamento nell’area, un edificio rustico di proprietà di Vincenzo Costantini, risalgono al 1818. Nel febbraio 1869 la proprietà passò a Teresa Costantini, sposa di Luigi Fiorelli, che l’ingrandì con l’acquisto di un’ulteriore, limitata porzione di terreno.
Nella pianta di fine Ottocento la villa mantiene la classica struttura della proprietà rurale, con il casino padronale inserito entro un’area circolare e terreni agricoli sviluppati a raggiera attorno al nucleo centrale. Quando Raffaele Fiorelli morì nel 1903, i terreni e gli annessi fabbricati furono ereditati dalla sorella Caterina che, sei anni più tardi, li vendette alla Società Anonima Italiana Prodotti Esplodenti di Milano. In seguito con il decreto prefettizio del 29 giugno 1922 iniziò la più rilevante trasformazione di Villa Fiorelli. L’area fu espropriata per avviare la prevista edificazione del quartiere di “case economiche”. Lo spazio verde della zona risultava così irrimediabilmente dimezzato. Nel luglio 1930 il Governatorato acquisiva i terreni residui della proprietà Fiorelli, con il vincolo esclusivo di destinazione a parco pubblico a uso del quartiere. Nel settembre dello stesso anno il casino padronale e gli edifici esistenti nel parco, a causa del loro pessimo stato di conservazione, furono abbattuti.
L’area fu dunque trasformata, su progetto di Raffaele de Vico in una piazza – giardino: quando venne aperta al pubblico degli edifici originari non rimanevano che un piccolo rustico e il piano interrato della proprietà, che servì quale rifugio antiaereo nel corso del secondo conflitto mondiale.
In anni più recenti, Villa Fiorelli ha subito numerosi rimaneggiamenti. Alla fine del 2003 sono stati avviati interventi di restauro del parco che hanno reso possibile rintracciare qualche sporadico segno dell’originaria proprietà Fiorelli. Fra le essenze arboree presenti nel parco si notano noci, carrubi, pruni, gingko biloba, e alcuni esemplari di acacia di Costantinopoli.
Una targa marmorea affissa su un muro della villa ricorda che Garibaldi si fermò qui ad abbeverare il suo cavallo. Stata inaugurata dall’allora sindaco di Roma, On. Walter Veltroni, il 2 dicembre 2004.
Il parco è oggi circondato da villette e palazzine di inizio Novecento. Purtroppo negli ultimi anni, la poca cura e manutenzione ha reso la villa piuttosto fatiscente, malgrado i tentativi di riqualificazione di vari comitati di quartiere.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.