Viale Manzoni, donna trovata morta in casa: è giallo

Era una dirigente del Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria la 51enne che, pochi minuti prima delle 15, è stata trovata morta nel suo appartamento al civico 26 di viale Manzoni. Liliana Uccheddu era distesa sul letto, con un sacchetto di plastica in testa e una bomboletta di gas da campeggio. Accanto al corpo una lettera: “Sono stanca di vivere“. A dare l’allarme la colf filippina che vive nel suo appartamento insieme al figlio della donna, agli arresti domiciliari. Le indagini sono in mano ai poliziotti dei commissariati Esquilino e San Giovanni, intervenuti sul posto per i rilievi. A dare l’allarme è stata la badante che ha chiamato i soccorsi. Quando i sanitari del 118 sono arrivati sul posto però la donna era già morta. In casa c’era anche il figlio, che si trova agli arresti domiciliari. Sul corpo non sono stati trovati segni evidenti di violenza, ma sarà l’autopsia a chiarire le cause della morte. Sul giallo indaga la polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.