Via Matera e piazza Asti: paradossi legati alla pista ciclabile

Le due colonnine dell’Enel in via Matera per la ricarica elettrica dei veicoli, “isolate” dalla pista ciclabile

C’è da chiedersi: ma chi progetta le piste ciclabili ha mai fatto un sopralluogo nell’area?

Viene da porsi questa domanda vedendo alcuni “capolavori” legati alla realizzazione delle piste ciclabili limitandoci a via Matera e a piazza Asti.

In via Matera, come dimostra l’immagine, è stata fatta la pista ciclabile “isolando” le colonnine Enel della ricarica elettrica per veicoli. Come fa ora un automobilista a ricaricare un veicolo elettrico? E’ questa la spinta ecologica che gli amministratori vogliono assicurare alla nostra città?

L’attraversamento pedonale ostruito dal rialzo

Analogamente sul piano della fruibilità e dell’abbattimento delle barriere architettoniche ecco due esempi in piazza Asti.

L’attraversamento semaforico della piazza riservato alle biciclette ha determinato lo spostamento di quello pedonale. Peccato che il “rialzo” centrale infici su quello pedonale per cui un portatore di handicap è costretto ad attraversare proprio sulla pista ciclabile.

Altra “perla”: l’arrivo della pista ciclabile è stato collocato dove c’è lo storico cartello del benzinaio, cementificato a terra.

Lo storico cartello cementificato della pompa di benzina collocato proprio all’imbocco della pista ciclabile

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.