Scup in via della Stazione Tuscolana: Scusate se vi abbiamo in comodato

001

“Scusate se vi abbiamo in comodato”
Una cena per festeggiare Scup, Sport e Cultura Popolare e la concessione in comodato d’uso gratuito da parte di Rete Ferroviaria Italiana dello spazio in via della Stazione Tuscolana.

Scup, Sport e Cultura Popolare è uno spazio sociale che esiste da sette anni e che da quattro svolge le sue attività all’interno di tre capannoni che si trovano su via della Stazione Tuscolana. L’edificio è stato occupato il 7 maggio 2015 dopo che gli attivisti di Scup erano stati sgomberati con le ruspe da via Nola 5, la prima sede del progetto: e da allora si sono insediati in modo così radicato sul territorio che persino la società proprietà dello stabile di via Tuscolana (Rete Ferroviaria Italiana) ha dovuto riconoscerne il valore sociale.

Dopo una lunga trattativa con la proprietà di tali stabili i tre capannoni sono diventati ufficialmente la “casa” di Scup che si avvia, quest’anno nel mese di maggio, a compiere il suo settimo anno di vita.

Abbiamo ottenuto un comodato d’uso gratuito che ci sembra un piccolo spiraglio di luce in una città impoverita e desertificata da una politica fondata su logiche securitarie e di esclusione. Questo spiraglio lo vogliamo condividere con tutt* voi perché ci auguriamo che possa diventare una luce abbagliante. Perché alla dilagante retorica del “confine”, dell’isolamento e dell’esclusione, a chi vorrebbe annichilire ogni slancio alla vita e alla solidarietà, vogliamo continuare a rispondere con la costruzione quotidiana di percorsi e pratiche di condivisione, autorganizzazione e mutualismo.

Sabato 23 febbraio dalle ore 19 vi aspettiamo per brindare e festeggiare insieme

Scup! Sport e Cultura Popolare
Via della Stazione Tuscolana 82-84b

   

Share

2 risposte a Scup in via della Stazione Tuscolana: Scusate se vi abbiamo in comodato

  1. Claudio scrive:

    Qui si occupa abusivamente e poi ci si permette pure di fare la morale alla politica. E questi gli dicono pure “bravi”. .

    • Marina scrive:

      I capannoni erano in disuso da anni –> La proprieta’ (Ferrovie) ha infine fornito gli stabili in comodato d’uso –> L’uso ha finalita’ di inclusione sociale. –> la valutazione puo’ essere solo positiva, le critiche stanno a zero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.