San Giovanni in Laterano: beatificata Madre Clelia Merloni

MadreCleliaE’ stata beatificata presso la basilica di San Giovanni in Laterano dal cardinale Giovanni Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, madre Clelia Merloni (1861-1930), fondatrice delle Apostole del Sacro Cuore di Gesù. Di recente Domenico Agasso jr ha firmato una biografia della religiosa, intitolata “Amore senza resa”, edita da Effatà.

Come si legge nel volume, la sua vocazione ha trovato una genesi nell’infanzia: di fronte a un padre, Gioacchino, ricco e attratto dalla massoneria, Clelia, figlia unica – scrive Agasso jr – «accentua la sua sensibilità religiosa: medita, prega, legge, va a messa. Forse delusa dalle creature, cerca di avvicinarsi al Creatore, l’unico che non delude».

Il cardinale Becciu ne ha evidenziato «il cuore aperto a tutti», specialmente ai malati, ai poveri e ai sofferenti, ma con lo sguardo «sempre rivolto a Dio», nonostante la sua esistenza sia stata «segnata in maniera impressionante da patimenti e tribolazioni».

Madre Clelia, infatti, è stata segnata dalle calunnie che ne hanno determinato la destituzione dal governo e poi addirittura l’allontanamento dall’Istituto da lei fondato. Un calvario personale duro e logorante, come ha ricordato il cardinale, fatto di solitudine e di isolamento, di indebolimento della salute e di stenti, al limite della disperazione. «Fu il momento dell’incontro con il suo Sposo, Gesù Crocifisso».

Il suo era un «carattere forte» ma mostrò comunque «una tenerezza straordinaria nel dimenticare le offese subite», «non parlò mai a danno di qualcuno, anche di quante, specialmente all’interno della sua Congregazione, le erano ostili; abbracciava le sofferenze, offrendole al Signore – ha detto ancora Becciu.

Attualmente le Apostole del Sacro Cuore di Gesù sono oltre mille, presenti in quindici Paesi: Italia, Albania, Argentina, Benin, Brasile, Cile, Filippine, Haiti, Irlanda, Mozambico, Paraguay, Portogallo, Stati Uniti, Svizzera e Uruguay. Come racconta Agasso «è un’autentica storia d’amore senza resa, messa alla prova da mille sofferenze ingiuste. Ha superato ogni ostacolo, ha vinto il male con il bene, si staglia come esempio da imitare». E il processo canonico  ha portato alla luce «questa donna santa, che ha esercitato eroicamente le virtù cristiane, con fede forte e coerente».

(foto da Madreclelia.org)

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.