“Salvacibo”, realtà che cresce

AlberoneE’ nato a settembre 2017 presso il mercato rionale dell’Alberone, sull’Appia. E’ poi sbarcato in altri luoghi della città tra cui, da ottobre 2018, al Nuovo Mercato Esquilino, ex Piazza Vittorio. “Roma Salvacibo”, l’attività di recupero e distribuzione gratuita delle eccedenze alimentari, costituisce una collaudata e meritoria azione di recupero e distribuzione gratuita delle eccedenze alimentari.

Il progetto è nato su iniziativa di alcuni volontari di Baobab Experience per ridurre gli sprechi dei mercati e utilizzare gli alimenti in eccedenza, evitando di buttarli via. La coordinatrice del progetto, Viola Andrade Prioli, sottolinea come l’iniziativa, benché abbia preso il via in un mercato rionale piccolo, con pochi banchi, ha riscosso subito un grande successo. Quei commercianti che all’inizio erano scettici si sono poi dovuti ricredere. Se all’Alberone il gruppo riesce a raccogliere un centinaio di chili di cibo, al Mercato dell’Esquilino è riuscito a moltiplicare per otto quel numero già importante, portandolo a ottocento chilogrammi. Tra i protagonisti, in questo caso, molti venditori bengalesi, cinesi, indiani e pakistani.

Ma come si svolge la raccolta? I promotori si recano presso i banchi in chiusura, raccolgono il cibo che andrebbe buttato e lo espongono in un tavolino collocato fuori dal mercato. Questo “ben di Dio” viene quindi donato alle persone che si avvicinano e dimostrano di averne bisogno. La “squadra” di benefattori è composta per metà da cittadini italiani, mentre gli altri sono cittadini stranieri, tra cui ragazzi richiedenti asilo o rifugiati. Il prossimo passaggio potrebbe essere quello di cucinare i cibi in modo da renderli più appetibili.

“Roma Salvacibo” è anche in fase di evoluzione. Se agli inizi era concentrano su frutta e verdura, ora propone anche pane, pizza, dolciumi e altri alimenti, comprese le donazioni dei cittadini, come le bibite. Da segnalare le elargizioni dei noti panifici Roscioli e Panis. A ciò si sono aggiunti i giochi per i bambini, specie nel periodo natalizio e per la Befana. Tra le collaborazioni più recenti, ricordiamo l’associazione “L’armadio senza chiavi” di San Lorenzo che raccoglie vestisti e giochi per bambini. Non solo. Da sabato 19 gennaio 2019 anche un banchetto di orientamento sul sistema dell’accoglienza, sui permessi, sulla disoccupazione e sul sistema sanitario.

L’utenza è variegata. Al mercato dell’Alberone sono molte le donne dell’Europa dell’est che in zona svolgono principalmente attività come badanti e donne delle pulizie. E sempre in zona, importante appuntamento domenica 20 gennaio 2019 da Scup, in via della Stazione Tuscolana, quando alle ore 17 ci sarà un mercatino di frutta, soprattutto banane, e dolci.

I progetti si autofinanziano anche attraverso eventi, come cene a tema.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.