Piazza Ragusa: Amazon rileva ex deposito Atac

Si è conclusa in questi giorni  l’operazione di compravendita tra Amazon e la partecipata del Comune di Roma, Roma Metropolitane, tramite la quale il colosso multinazionale rileva l’ex deposito Atac di Piazza Ragusa, ad una cifra di 10 milioni e mezzo di euro, rispetto ai 14 richiesti. Molte critiche giungono dal Gruppo “Quelli di Piazza Ragusa e dintorni…”. Un gruppo che riunisce gli abitanti della zona di Piazza Ragusa nella città di Roma da un’idea di Giorgio Gonnella e di Giorgio Sciò per creare un luogo di connessione tra gli abitanti del quartiere. Il loro timore è che da deposito mezzi pubblici, l’ex deposito Atac diventerà deposito di corrieri con un notevole aumento del traffico in zona. Prosegue Giorgio Gonnella:
Qualcuno insisterà nel dire:  “meglio così diamo le cose pubbliche per arricchire i soliti che tenere lo stato di degrado e abbandono”, e quindi ci sollecita a dire che abbiamo vinto perché ci siamo uniti e associati contro il degrado per una riqualificazione ambientale del territorio. Ma il timore è che vedremo tir, furgoni, auto, moto e biciclette ad ogni ora del giorno e della notte in un quadrante già piuttosto provato da traffico e inquinamento.

Share

Una risposta a Piazza Ragusa: Amazon rileva ex deposito Atac

  1. Cristina scrive:

    E’ una tristezza e una vergogna di cui forse inconsapevolmente ci siamo resi complici ? . Distruggere una zona storica, tranquilla e vivibile in uno snodo di transito per un hub commerciale miliardario, n mezzo a piste ciclabili che a questo punto nessuno vorrà usare per l’incremento esponenziale dell’inquinamento ambientale che si produrrà : Per di più a ridosso del centro storico . Chi ha potuto odiare così tanto questa zona, con tutti i suoi abitanti, da svenderla, o meglio “svenderli ” , gli abitanti , a 600 euro circa al metro quadrato .?
    E’ vero fa male al cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.