Pamela Mastropietro, l’Appio e Sky Tg24

RediRoma

Un momento della fiaccolata degli amici di Pamela Mastropietro in piazza dei Re di Roma

La povera Pamela Mastropietro non trova pace. Una ragazza dalla vita difficile e dalla fine disumana è ormai oggetto di continua strumentalizzazione. L’esaltato marchigiano Luca Traini che ha sparato nel “mucchio” è stato armato anche da un clima pesante di toni oltremisura. Le reazioni, da più parti, sono accomunate da rilevanti dosi di astio. Lo abbiamo letto tante volte in questi giorni. Lo abbiamo scritto anche noi. E non vogliamo ripeterci.

Vogliamo però aggiungere qualcosa. Cioè che non rasserena certo il clima il ruolo assunto da alcuni media.

Esemplare, in proposito, un servizio andato in onda su Sky Tg24. Una sorta di “reportage” dal quartiere romano dove viveva Pamela, l’Appio. Una zona che l’autrice del servizio – con la sua “erre” moscia che fa tanto Roma Nord e origini chissà dove – dipinge come un Bronx. Perché, nella logica di questa disinformazione, ormai tutto è un Bronx. La bellezza non paga più, in questo caso ha ragione Sgarbi.

Ma l’Appio non è un Bronx. Come tante zone di questo nostro Paese non sono Bronx, come molti vorrebbero far credere per alimentare un clima d’insicurezza che paga anche in termini elettorali. E con la storia di Pamela il contesto sociale di un quartiere c’entra poco. Semmai i cattivi incontri, le incomprensioni, il dramma della droga.

L’autrice del servizio ha tralasciato i tanti aspetti positivi di questa zona. La sua storia millenaria, ad esempio, che ha disseminato questo lembo della Capitale di preziose testimonianze. Ha ignorato un tessuto culturale e di aggregazione certamente invidiabile (si pensi al solo Comitato della Caffarella, a quello di Villa Lazzaroni, alle tante librerie che promuovono eventi) o la presenza di istituti scolastici prestigiosi (come il liceo classico Augusto). Ha dimenticato i tanti ragazzi che hanno voluto ricordare Pamela con una grande fiaccolata, momenti toccanti creati dagli straordinari coetanei della ragazza.

Ovviamente la nostra non è la difesa d’ufficio di una zona di Roma. Semmai spetta agli organi del VII Municipio, ammesso che abbiano questa sensibilità. No, vogliamo stigmatizzare l’operazione attuata dall’autrice del servizio, tale Chiara Cerqueti, che ha disegnato la “sua” realtà. Forse l’ha anche un po’ costruita.

A proposito di Ponte Lungo (a pochi centinaia di metri dal centro storico…) nel servizio la Cerqueti spiega che “per sapere che esiste devi andarci apposta” (forse ignora che dal 1980 la metro A è presente con una propria fermata contrassegnata proprio da quel nome). Ma lei aggiunge che qui “si soffre d’abbandono”, che c’è insicurezza, “degrado, conflitti sociali”, fino alla frase-cult “la paura che arriva quando cala il sole”, una sorta di sceneggiatura per un film western. Ed ancora: “In questa fetta di territorio che si sente a pezzi”. Cult, assolutamente cult…

Il servizio si chiude con una chicca: la richiesta ad un attempato signore della zona, probabilmente un commerciante, se in zona si trova droga. E lui, un po’ imbarazzato (ma che ne sa?), che farfuglia un mezzo sì.

Certo, i problemi sono pure qui. Come dappertutto. Da risolvere, ovviamente. Ma l’Appio – nel caso specifico – resta un quartiere vivo, ben collegato, ricco di iniziative sociali, di cultura, di buone scuole. E di brava gente. Non merita queste gettate di fango da parte di chi – crediamo – non lo conosce proprio. Questo giornalismo, anziché su Sky, ce lo aspettiamo in qualche trasmissione pomeridiana, di quelle che presidiano luoghi come Avetrana o Cogne.

Sky Tg24 si adegua al noir e crea il suo tormentone condito di degrado, droga e gente pericolosa. In linea con “Studio Aperto”, che spesso sforna altri capolavori del genere.

L’Appio non è Scampia (e il quartiere partenopeo non ce ne voglia, spesso vittima di pregiudizi). E l’Italia non è tutta Scampia. Questo significa soffiare sul fuoco, tra l’altro alla vigilia delle esequie di Pamela che si svolgeranno proprio all’Appio, probabilmente. L’Appio non è una zona border line. Così come l’Italia non lo è. Basta con queste descrizioni forzate, per favore. Risparmiatecele. E torniamo alla civiltà e all’onestà. Anche delle parole.

(Domenico Mamone, presidente Unsic)

Share

4 risposte a Pamela Mastropietro, l’Appio e Sky Tg24

  1. Nonnaga scrive:

    Avevo 14 anni quando o cominciato a frequentare questo quartiere , poichè frequentando il liceo Augusto avevo una cerchia di amici in quella zona. Nell’82 ci sono andata ad abitare, e qui sono fino ad oggi. Il quartiere è cambiato tanto, tanto. Si avverte eccome che gira tanto spaccio…direi che non si vedono pusher.. non in strada almeno.
    Ma la cosa che più mi ha colpito negli ultimi anni è la enorme presenza di immigrati ( cinesi, indiani, arabi) che hanno affittato tantissimi appartamenti in questa zona abbastanza cara xchè vicina all’Appia Antica.
    Tutti con licenze per ogni genere di esercizio commerciale, forse quelle triennali gratuite? per favorire l’integrazione?
    Sono dappertutto ai banchi del mercato, nei marciapiedi come ambulanti. Non so se questo possa definire un Bronx. Ma attenzione non è questo che disturba.
    Da tempo si aprono sempre nuovi punti di ristoro, ristrutturano vecchi negozi e sorgono ristorantini e punti di cibo take way, birrerie enoteche paninerie, friggitorie pizzerie e chi più ne ha più ne metta. Detto alla romana ‘ndove sta tutta ‘sta clientela che possa riempire questi locali? Qui c’è molta presenza di famiglie che mangiano a casa… se entri in uno di questi ambienti mangerecci trovi sempre un gestore romano, finchè non individui dal cibo e dal gergo che tutto il resto del personale è: campano, siciliano. Ci sono così tanti bar pasticcerie siciliane che hanno preso piede, che ti fa meraviglia! non si può piu godere di una buona tradizione culinaria del centro-italia. Ancora un particolare tutti questi ambienti hanno lo stesso stile di ristrutturazione, giuro, sembrano fatti con lo stampo. Ora anche le panetterie migliori di un tempo sono degradate, il pane è cattivo , gli olii fanno schifo.. poi senti l’accento del panettiere! è diventato calabrese o siciliano. Sono razzista ? no, una sopraffatta romana a cui piaceva la tradizione.
    Questo per me è un segno di Bronx, lascio all’immaginazione.

  2. Nonnaga scrive:

    Avevo 14 anni quando o cominciato a frequentare questo quartiere , poichè frequentando il liceo Augusto avevo una cerchia di amici in quella zona. Nell’82 ci sono andata ad abitare, e qui sono fino ad oggi. Il quartiere è cambiato tanto, tanto. Si avverte eccome che gira tanto spaccio…direi che non si vedono pusher.. non in strada almeno.
    Ma la cosa che più mi ha colpito negli ultimi anni è la enorme presenza di immigrati ( cinesi, indiani, arabi) che hanno affittato tantissimi appartamenti in questa zona abbastanza cara xchè vicina all’Appia Antica.
    Tutti con licenze per ogni genere di esercizio commerciale, forse quelle triennali gratuite? per favorire l’integrazione?
    Sono dappertutto ai banchi del mercato, nei marciapiedi come ambulanti. Non so se questo possa definire un Bronx. Ma attenzione non è questo che disturba.
    Da tempo si aprono sempre nuovi punti di ristoro, ristrutturano vecchi negozi e sorgono ristorantini e punti di cibo take way, birrerie enoteche paninerie, friggitorie pizzerie e chi più ne ha più ne metta. Detto alla romana ‘ndove sta tutta ‘sta clientela che possa riempire questi locali? Qui c’è molta presenza di famiglie che mangiano a casa… se entri in uno di questi ambienti mangerecci trovi sempre un gestore romano, finchè non individui dal cibo e dal gergo che tutto il resto del personale è: campano, siciliano. Ci sono così tanti bar pasticcerie siciliane che hanno preso piede, che ti fa meraviglia! non si può piu godere di una buona tradizione culinaria del centro-italia. Ancora un particolare tutti questi ambienti hanno lo stesso stile di ristrutturazione, giuro, sembrano fatti con lo stampo. Ora anche le panetterie migliori di un tempo sono degradate, il pane è cattivo , gli olii fanno schifo.. poi senti l’accento del panettiere! è diventato calabrese o siciliano. Sono razzista ? no, una sopraffatta romana a cui piaceva la tradizione.

  3. Gennaro scrive:

    io sono nato in questo quartiere e oggi ho 61 anni qui mi sono sposato e qui sono nati i miei figli, certo il quartiere è un pò cambiato, ma ormai tutta lìtalia è cambiata, io da qui non mi muoverò mai perché per me questo è il quartiere più bello di Roma a un chilometro dal Colosseo, qui cè tutto ,la metro, gli autobus ben collegati tanti negozi e tanti centri commerciali , per visitare il quartiere non cè bisogno di andare in macchina, si camina benissimo a piedi, ci sono molti centri culturali, e tante scuole la popolazione, è abbastanza, benestante e le case costano 4000.euri al mq.Hai ospedali e chiese, insomma cè tutto altro che bronks, come diceva la giornalista di skay.

  4. Rodolfo scrive:

    Dite a quella testa di minkia del Vs. Linguavendolo (tg h.18 di ieri) che il cognome di Pamela è Mastropietro e non Mastrogiacomo, dopo una settimana che se parla. Uccisa 2 volte ! Sfruttare la situazione e non rispettare i morti da schifosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.