Ospedale S. Giovanni: la notte il pronto soccorso diventa rifugio per gli sbandati

L’ospedale San Giovanni e in particolare il pronto soccorso ultimamente funge da rifugio per sbandati e disperati. Arrivano in tarda sera, si sdraiano su due o tre sedili e dormono li, la loro nuova casa. Purtroppo la carenza di vigilanti all’ingresso e la rinuncia da parte del personale medico e paramedico, non avendo autorità per poter allontanare i clochard, ha reso l’atrio del pronto soccorso un dormitorio a tutti gli effetti. Il problema non è nuovo alla direzione dell’ospedale che però non ha gli strumenti di ordine pubblico per risolverlo ed è conosciuto alle forze dell’ordine che non possono far altro che ispezionare il pronto soccorso ogni tanto nel corso della notte cercando di evitare liti e dissapori. «Le sedie sono per malati e familiari. Loro le occupano, le sporcano e lasciano in piedi gli infartuati oppure si sdraiano sulle barelle delle ambulanze e non ci fanno partire per le emergenze» come sottolinea un operatore del 118 intervistato dal Corriere.it. A ciò si aggiunge un problema di sicurezza. Molti di loro, infatti, arrivano ubriachi, molestano rubano e sporcano con escrementi, abbandonando in ogni dove buste, indumenti sporchi e cartoni di vino. Eppure basterebbe poco, ripristinare i posti di polizia fissi, operativi fino a qualche anno fa.

   

Share

Una risposta a Ospedale S. Giovanni: la notte il pronto soccorso diventa rifugio per gli sbandati

  1. Anonimo scrive:

    ma che ve ne accorgete solo ora che di notte negli ospedali ci sono i barboni? Sono anno che di notte ci dormono, spesso portati dalle ambulanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.