L’ Asino che Vola: Marco Mendoza live

mendoza

Domani 1 febbraio 2017 all’Asino Che Vola Via antonio coppi 12d, 00179 Roma

dalle ore 22 si terrà un concerto live di Marco Mendoza.

Mendoza è un bassista eclettico di stampo hard & heavy, musicista estroso dai molti volti.
É cresciuto e si è formato a Tijuana, Messico, con la nonna, cominciando giovanissimo a strimpellare la chitarra, per poi preferire il basso.
Inizia la carriera professionale nella band di John Sykes, i Blue Murder, dove milita dal 1991 sino al 1993, periodo che segna anche il suo futuro artistico, intrecciato costantemente a quello dell’amico John. Nel 2000 viene scelto da David Coverdale, per suonare nell’album Into the Light, e poi si unirà ai noti Whitesnake.
Nei primi anni duemila è stato in tournée con Ted Nugent, allo stesso tempo ha suonato con la band Soul Sirkus e collaborato con altri musicisti di diverso genere: Suzy K, Right Said Fred, Robert Williams, Roch Voisine, Rafael Aragon, Debby Yeager, Tin Drum e Tommy Shaw. Nel 2004 ritorna a suonare con gli Whitesnake, e nel frattempo incrementa le collaborazioni artistiche, torna a far parte dei Thin Lizzy nel 2005 al posto di Randy Gregg e nello stesso periodo suona con Ted Nugent, Whitesnake e poi anche Lynch Mob. Attualmente è il bassista dei riformati Thin Lizzy, dove suona ancora John Sykes.
Il suo primo album solista esce il 6 luglio 2007 con la collaborazione di Richie Kotzen. Nel 2008 Marco entra a far parte della band detta La Famiglia Superstar con Steve Saluto, Atma Anur e Terry Ilous.
Nel 2010 Mendoza inizia una collaborazione con il chitarrista Andrea Braido suonando molto concerti in Italia proponendo dei live decisamente esplosivi con un sound carico di “groove”. Ultimamente è entrato a far parte della super rock band dei “The Dead Daisies” che sono stati protagonisti di un lungo tour europeo a Dicembre 2016.
Questo 2017 invece, Marco Mendoza torna “on tour” con a proporre il suo progetto personale in Europa dove si esibirà con il supporto dell’eclettico chitarrista Fabio Cerrone e dell’affidabile sound di Pino Liberti alla batteria. Un show esplosivo che incendierà i palchi dei migliori club europei incluso quelli sparsi sul territorio italiano.

 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.