Fase 2, riapre la Caffarella: ecco cosa si può fare e cosa è ancora vietato

Da lunedi 4 maggio si entra nella fase 2. Un semplice vademecum per sapere sempre come comportarsi all’interno delle aree verdi della Capitale, anche nel nostro territorio all’ interno del Parco della Caffarella:
  • L’ingresso è consentito solo a chi non presenta sintomi da infezione respiratoria e febbre e non è in quarantena.
  • Sì alle passeggiate ma rigorosamente a 1 metro di distanza gli uni dagli altri.
  • Sì anche all’attività sportiva individuale ma, in questo caso, i metri di distanza devono essere 2.
  • Minori e persone non completamente autosufficienti possono passeggiare con l’accompagnatore sempre nel rispetto della distanza di sicurezza.
  • Nelle aree verdi restano chiuse le aree gioco per i bambini.
  • È anche vietato fare feste o pic-nic ed utilizzare le attrezzature sportive.
  • Proibite anche le attività ludico ricreative come giochi e attività di gruppo.
  • Il Sindaco può disporre la temporanea chiusura di specifiche aree in cui non sia possibile assicurare altrimenti il rispetto di quanto sopra
  • I controlli del rispetto delle regole saranno affidati ai droni dall’alto, vigili urbani agli ingressi o nelle vicinanze e guardiaparco all’interno del Parco.

Questo per sottolineare che siamo ancora in una fase delicata, e quindi non è ancora previsto poter portare i bimbi al parco per usufruire delle aree preposte o giocare con gli altri bimbi. Cerchiamo di comportarci ancora in modo responsabile, seguendo queste semplici regole, con attenzione massima.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.