Ex cinema Airone: distacchi e crollo calcinacci

via Lidia Cinema Airone

via Lidia Cinema Airone

Sono situati in luoghi strategici della quartiere ma di loro sopravvivono solo i ricordi di chi li ha frequentati. Frammenti di memoria di siti oggi più che mai abbandonati in uno stato di degrado. Resta questo delle ex sale cinematografiche della città e di tutto l’Appio Latino, e tra i tanti l’ex cinema Airone capolavoro architettonico posto in via Lidia, che versa da da anni in condizioni a dir poco disastrose. „La struttura costruita all’inizio degli anni cinquanta, le cui mura oggi sono di proprietà del Comune di Roma, è stata progettata da Adalberto Libera, architetto razionalista. Una struttura avveniristica per l’epoca con all’interno, sul soffitto della sala d’ingresso anche un dipinto di Capogrossi. Dopo gli anni di splendore il cinema negli anni 70 si è trasformato in discoteca. Da ‘Charleston’ a ‘Stellarium’, l’ex cinema passa di gestione in gestione creando non pochi problemi di convivenza con i residenti del quartiere. Oggi la struttura completamente abbandonata, è lasciata all’incuria. Un paio di settimane fa il distacco di pezzi di muro e soffitto hanno allarmato i residenti che chiedono con insistenza la messa in sicurezza dell’ ex cinema, visto il pericolo di nuovi crolli. I calcinacci giacciono per strada da diverso tempo, pronti a diventare l’inizio di una piccola discarica. Caduti anche i nastri posti a interdizione dai vigili del fuoco. E segni preoccupanti anche nell’angolo opposto della pensilina.

L'immagine può contenere: spazio all'apertoL'immagine può contenere: spazio all'apertoNessun testo alternativo automatico disponibile.L'immagine può contenere: scarpe e spazio all'apertoL'immagine può contenere: spazio al chiuso
(Foto gruppo fb Sei dell’Appio Latino)

Share

Una risposta a Ex cinema Airone: distacchi e crollo calcinacci

  1. Sabatino Salvi scrive:

    Salve,
    come cittadino dell’Appio Latino, dal 1966, abitante a 100 m t. dall’ex cinema Airone di via lidia intendo protestare energicamente per l’abbandono e il degrado in cui tale manufatto, ormai da tanti anni, è oggetto. Tenendo presente la parte architettonica e il graffiti del pittore Capogrossi chiedo se è possibile, tenendo in considerazione l’esempio del cinema America e del Teatro Valle di veder riportare alla luce con fini culturali detto edificio. Mi impegno in prima persona cercando volontari giovani nel quartiere a collaborare a tale fine. Vorrei sapere a chi devo chiedere al Comune di Roma. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.