CoronaVirus cinese, rinviato Capodanno in piazza San Giovanni

Come reso noto dalla comunità cinese di Roma, è stato deciso di rinviare i festeggiamenti per il Capodanno cinese. A spiegare le motivazioni della scelta, legata al clima venutosi a creare per l’epidemia di coronavirus attualmente in atto in Cina, è stata la portavoce della stessa comunità, Lucia King: “Abbiamo deciso di rinviare la festa per il Capodanno cinese in programma il 2 febbraio di San Giovanni a Roma. La festa deve essere rinviata perché c’è gente che sta male e non è il caso di festeggiare. Ci dispiace perché i preparativi duravano da tre mesi, ma in questo momento è la scelta migliore”, sono state le sue dichiarazioni.
La nuova data delle celebrazioni sarà comunicata “in seguito”, come spiegato dalla stessa King.
Il Capodanno cinese è una delle festività più tradizionali e maggiormente sentite in Cina, esso coincide con il calendario lunisolare, pertanto la data di inizio del primo mese può variare di 29 giorni, ed è compresa tra il 21 gennaio e il 19 febbraio. Di solito nella Capitale si assiste alla parata del Drago che, partendo da piazza dell’Esquilino, arriva fino a piazza San Giovanni.

   

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.