Consumerismo: con “switch-off” tv digitale disagi per utenti di Roma

Con lo switch-off partito lo scorso 17 giugno per il passaggio al nuovo digitale terrestre si sono registrati enormi disagi per gli utenti di Roma, che hanno interessato in special modo gli anziani, poco avvezzi alle nuove tecnologie. Lo denuncia Consumerismo No profit, che ricorda come l’operazione comporti anche enormi costi in capo agli utenti.

“Numerosi consumatori di Roma e del Lazio, non riuscendo più a vedere i canali tv, si sono ritrovati ad acquistare un nuovo televisore per paura di non poter ricevere più il segnale, nonostante i vecchi apparecchi in loro possesso fossero ancora adatti alla visione dei canali – spiega il presidente Luigi Gabriele. “Altri, specie le persone più anziane, hanno richiesto l’intervento di un tecnico specializzato per installare decoder o risintonizzare i canali, andando incontro a spese del tutto evitabili. Questo soprattutto a causa di una campagna informativa inadeguata, che non ha fornito indicazioni e informazioni precise e puntuali agli utenti”.

Eppure con qualsiasi tv o decoder con tecnologia DVB-T (non importa se ancora T1 o già T2) oggi basta semplicemente fare la ricerca canali e tutto torna in ordine. Perché quello che è cambiato è la codifica di trasmissione e non la tecnologia – spiega Consumerismo – Ricordiamo che chi ha già una Tv già con tecnologia DVB-T (quelle digitali di prima generazione), non deve apportare alcuna modifica almeno fino al 2025, e deve limitarsi solo a risintonizzare i canali.

Per ricevere i nuovi canali senza andare incontro a spese inutili è sufficiente:

1)        Accedere al menù del televisore

2)        Andare su “sintonizza canali”

3)        Impostare su digitale terrestre DVB

4)        Avviare la ricerca

5)        Controllare che i canali siano in ordine, in rari casi dovete solo spostare qualche canale disallineato (dipende dal tipo di Tv e decoder).

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.