Atac, bus con tornelli, partita la sperimentazione

AtacAnche Roma si adegua. E’ partita la sperimentazione di autobus con salita obbligatoria davanti e tornelli per permettere l’ingresso solo a chi ha la tessera o il biglietto. In questi primi giorni ci sarà del personale Atac ad aiutare le persone ad effettuare correttamente le operazioni di salita e di obliterazione.

Non mancano disagi, dovuti principalmente alla novità e alle “cattive abitudini” che difficilmente tendono a scomparire, per cui molte persone vogliono salire dalla porta centrale, nonostante le nuove indicazioni siano segnalati con vistosi adesivi circolari con quasi un metro di diametro.

Tra le linee coinvolte anche il 51. Le nuove disposizioni stanno ovviamente rallentando – e molto – i tempi dei percorsi. Nella fermata davanti a Palazzo Venezia, ad esempio, il 51 staziona anche dieci minuti per permettere all’utenza di entrare e di compiere le operazioni, rallentando anche gli autobus retrostanti, impossibilitati ad effettuare la fermata. E’ altrettanto vero che il nuovo metodo, applicato nelle principali metropoli europee, assicura che tutti i viaggiatori effettuino il pagamento, ad esclusione di chi ha la tessera.

Il problema vero sono i tempi di percorrenza dei bus, decisamente lenti. Inoltre, a causa dell’alto numero degli utenti per autobus che passano di rado, le operazioni di obliterazione sono particolarmente lunghe.

Nella foto Appioh: la ressa davanti alla porta d’ingresso di un autobus della linea 51

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.